Skip to main content
#TURRENO: NOVE ANNI DI SOLI ANNUNCI SULLA SUA RIQUALIFICAZIONE.
Sono passati ben nove anni da quando la Fondazione Cassa di risparmio di Perugia ha acquistato il teatro e lo ha poi trasferito a Regione e Comune con l’obiettivo di una profonda riqualificazione. Anni durante i quali abbiamo assistito con regolari cadenze a numerosi eventi, comunicati e proclami sull’avvio del recupero l’ex cinema.
Ma quante volte è stato presentato il progetto “Turreno”?
Possiamo partire dalla dichiarazione, nel lontano gennaio 2020, dell’Assessore all’Urbanistica Margherita Scoccia, con la quale comunicava il completamento delle verifiche strutturali, passare a quella di febbraio 2021, per annunciare la pubblicazione del bando per l’affidamento della progettazione e al comunicato di marzo 2023 di avvio della collaborazione con il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Perugia, per giungere, in ultimo, al lancio di luglio del 2023 di approvazione del progetto esecutivo per i primi lavori per la realizzazione “ancora” delle opere strutturali generali e impiantistiche del complesso. Obbligatorio ormai il condizionale, perché nonostante ci sono in ballo più di 4 milioni di euro e la scadenza imposta dalla Regione di far partire il cantiere entro ottobre, dei lavori ancora non si ha notizia.
Il progetto di recupero del complesso dell’ex Cinema-Teatro “Turreno” rappresentava un’importante occasione di rilancio del cuore della città di Perugia. Un’esigenza dei cittadini che purtroppo attende ancora una risposta: restituire lo storico complesso architettonico del teatro Turreno alla città di Perugia per svolgere quella funzione di agorà culturale e sociale.
Non possiamo fare a meno di constatare per l’ennesima volta, che a pochi mesi dalla conclusione del mandato politico, aleggia ancora nebbia fitta sulla maggior parte dei progetti di riqualificazione promossi da questa Giunta: dal Turreno, al Mercato coperto, da Fontivegge al Metrobus (BRT).