Skip to main content
#DLENERGIA : SCIENZIATI E STAKEHOLDER NON HANNO DUBBI, RINNOVABILI STRADA MAESTRA
Per esperti del settore, scienziati e stakeholder non ci sono dubbi: la strada maestra sono le rinnovabili e la riduzione dei consumi.
Stando a quanto hanno infatti dichiarato all’unisono oggi in audizione sul Dl energia davanti alle Commissioni Ambiente e Attività Produttive della Camera, le rinnovabili hanno un ruolo chiave nella transizione energetica, supereranno già nel 2024 la produzione da carbone (il fotovoltaico sarà la tecnologia più installata al mondo nel 2027) e pensare di tassarle è paradossale perché, nel momento in cui bisognerebbe favorirle, mettere delle tasse significa aumentare il prezzo dell’energia per imprese e famiglie.
Ritengono inoltre un errore concentrarsi sull’aumento della produzione di gas nazionale, in un momento in cui la domanda di gas ha un ruolo sempre più marginale nelle economie avanzate e le politiche climatiche sono sempre più stringenti.
Non hanno avuto esitazione a sostenere che la soluzione principe per garantire la sicurezza energetica, da un lato, e contenere il caro-bollette, dall’altro, sia il fotovoltaico.
In pratica ciò che come Movimento 5 Stelle sosteniamo da sempre e per il quale siamo tutt’ora accusati di puntare a una transizione ideologica.
La maggioranza di governo avrà l’ardire di etichettare come ideologisti o ambientalisti da salotto anche gli autorevoli esperti del settore e i portatori di interesse che oggi sono stati auditi?
Farebbe meglio ad affidarsi alla scienza e a informarsi di più piuttosto che vaneggiare e continuare a fare solo gli interessi dei soliti colossi dell’energia.