sindaco leghista vieta scollature e minigonne

A Terni il sindaco leghista vieta scollature e minigonne

No, non siamo in Afghanistan sotto il regime talebano ma in Umbria e precisamente  Terni.
Nei giorni in cui si discute in Parlamento il Ddl Zan che garantisce il rispetto dei diritti di tutti, il Sindaco di Terni emana un’ordinanza che impone alle donne il divieto di abbigliamento “provocante” pena l’equiparazione a prostitute.
Queste sono le soluzioni grottesche e offensive per la tutela del territorio ternano operate dalla Lega. Invece di trovare soluzioni ai problemi della città e risollevare l’economia il Sindaco vuole eliminare la prostituzione vietando minigonne e scollature e limitando la libertà delle donne.
Una decisione ridicola e grave che ci fa capire a che livello è arrivato il partito di Salvini, un livello medioevale, omocentrico e privo di idee.